Altri disturbi psicosomatici

cura disturbi psicosomatici torino

Nei disturbi psicosomatici, detti anche “somatoformi”, sono presenti dei sintomi fisici, persistenti o ricorrenti, che non trovano spiegazione in alterazioni organiche o meccanismi fisiopatologici, e che non vengono simulati intenzionalmente.

La somatizzazione di un malessere psicologico non è di per sé patologica, è anzi sovente una normale modalità di risposta ad uno stress psicologico che mette alla prova il nostro equilibrio interno. Si parla di veri e propri disturbi quando l’intensità e la frequenza di queste manifestazioni somatiche è tale da compromettere il funzionamento generale della persona, risultando seriamente invalidante.

I disturbi psicosomatici sono molto diffusi, anche se raramente diagnosticati. Eseguire esami di tipo medico è importante per escludere possibili cause organiche ma, quando questi hanno esito negativo, occorre chiedersi se il disturbo non abbia origine da uno stress psicologico. Sovente invece si procede con numerosi accertamenti medici, mossi a volte dal timore di non essere considerati davvero malati o magari preoccupati di essere visti come artefici in qualche modo dei propri mali. Come se il disagio psicologico non avesse la stessa dignità delle malattie organiche o implicasse, al contrario di queste, sempre un certo grado di responsabilità individuale.

In realtà, psiche e soma sono due entità strettamente collegate e interdipendenti e sono tanti i disturbi somatici che, a partire da una predisposizione genetica e costituzionale, vengono innescati da problematiche di natura psicologica e si automantengono in un circolo vizioso di fattori fisici e psichici. Fra di essi vi sono le allergie, le intolleranze alimentari, l’asma, le cistiti recidive, le coliti, i problemi gastrointestinali, i sintomi pseudo-neurologici, le nevralgie, le contratture muscolari, e l’elenco potrebbe continuare a lungo.

 Le emozioni enzimi della mente. A cura di F.Bottaccioli, R.Cardone, M.Mambelli. Neos Edizioni, 2010

FacebookTwitterGoogle+Condividi
Leggi anche:
TAGS: