I disturbi dell’eccitazione sessuale nella donna

cura frigidità torino sessuologa

I disturbi dell’eccitazione sessuale nella donna possono verificarsi a due livelli diversi:

carenza nelle modificazioni fisiche che indicano uno stato di eccitazione, innanzitutto lubrificazione vaginale e vasocongestione;

carenza nella componente soggettiva di piacere sessuale e di eccitamento, cioè mancanza della sensazione psicologica del piacere.

Nel primo caso, prima di attribuire il problema a fattori psicologici individuali o relazionali con il partner, occorre valutare il ruolo che possono giocare fattori non psicologici, come l’assunzione di farmaci antistaminici e antipertensivi, diabete mellito e menopausa.

Nel secondo caso, invece, malgrado una vasocongestione e una lubrificazione apparentemente normali, il piacere e l’eccitazione che la donna prova sono insufficienti o addirittura assenti, e questo può gradualmente portare a un disinteresse per il sesso e a difficoltà a raggiungere l’orgasmo.

In altri casi, la problematica sessuale connessa all’ eccitazione può riguardare più specificamente la fase di plateau, in quanto la donna non riesce ad assecondare il processo dell’eccitazione. Ciò significa difficoltà nell’accogliere l’eccitazione, lasciare che si amplifichi, aumentarla volontariamente, metterla al servizio del desiderio, delle fantasie, condividerla liberamente con il partner, indirizzarla volontariamente verso il raggiungimento dell’orgasmo.

Può quindi accadere, per esempio, che una donna, non appena percepisce l’eccitazione, si ritrovi a perderla rapidamente, non voglia assecondarla, oppure provi ansia, paura o vergogna verso di essa. I disturbi del plateau, quindi, sono disturbi che insorgono quando l’eccitazione viene percepita sia a livello fisico che psicologico, ma viene, per qualche motivo, ostacolata o inibita.

Frequentemente le difficoltà nelle fasi dell’eccitazione e del plateau sono accompagnate dalla sensazione di osservare quello che succede “dall’esterno”, come se la donna osservasse se stessa nell’intimità. In questo modo ci si trova ad essere distaccati dalle sensazioni corporee, dai bisogni e dai desideri che in quel momento sono presenti, così come ci si distacca inconsapevolmente anche dalla relazione col partner, e il risultato non potrà che essere fallimentare.

FacebookTwitterGoogle+Condividi
TAGS: