Disturbo ossessivo compulsivo

Il disturbo ossessivo compulsivo è tra i disturbi d’ansia più diffusi ed è caratterizzato dalla presenza di ossessioni e compulsioni.

Le ossessioni sono pensieri, immagini mentali o impulsi che si presentano ripetutamente e vengono esperiti come sgradevoli ed intrusivi. Le ossessioni sono spesso di natura bizzarra e chi è affetto da un disturbo ossessivo è in genere consapevole della loro infondatezza o esagerazione, anche se a volte l’ansia è talmente acuta da perdere di vista la realtà dei fatti.

Le compulsioni sono invece dei comportamenti ripetitivi (ad es. lavarsi le mani, riordinare, controllare se il gas è stato chiuso) o delle azioni mentali (ad es. contare, pregare, ripetere delle formule), messi in atto per ridurre il senso di disagio e l’ansia provocati dai pensieri ossessivi. Esse possono durare pochi minuti o arrivare ad occupare molte ore della giornata.

Nel disturbo ossessivo compulsivo, le ossessioni e le compulsioni possono essere di varia natura come di seguito elencato.

Paura di contaminarsi: chi è affetto da questa ossessione è tormentato dal costante timore di potersi sporcare o contaminare entrando in contatto con sostanze come carne cruda, siringhe, detersivi, saponi, secrezioni del corpo, sporcizia. A volte la paura della contaminazione può riguardare alcune categorie sociali (ad es. barboni, anziani) oppure entità astratte come il diavolo e il male. Per evitare il pericolo di contaminazione, la persona tende ad evitare luoghi come bagni pubblici, supermercati, ospedali, e quando capita di entrare in contatto con una sostanza ritenuta contaminante, mette in atto dei rituali di pulizia ripetuti e particolareggiati.

Bisogno di controllo: chi soffre di questa tipologia di disturbo ossessivo compulsivo mette in atto dei rituali di controllo per tranquillizzarsi rispetto al dubbio di aver fatto o non aver fatto qualcosa che può aver danneggiato se stesso, i propri oggetti o qualcun altro, o che potrebbe farlo. Queste persone si sentono spesso in colpa e compiono ripetuti controlli per essere sicuri di aver chiuso il rubinetto del gas, la porta di casa, i fornelli elettrici, ecc, rivolgendo sovente ai familiari ripetute richieste di rassicurazione.

Paure superstiziose: chi presenta questo tipo di ossessioni teme che possano succedere eventi negativi a se stesso o alla propria famiglia a seguito di certe parole (es. morte, diavolo) o certi gesti, della visione di alcuni colori o immagini (ad es. manifesti mortuari) e si sente costretto magari a ripetere una certa parola molte volte per neutralizzare la negatività degli stimoli temuti.

Bisogno di ordine e simmetria: per queste persone è intollerabile il disordine e l’asimmetria e possono passare delle ore a riordinare ed allineare secondo una sequenza logica (ad es. secondo grandezza e colore) libri, pentole, abiti,ecc. Tali pensieri ossessivi possono riguardare anche la propria persona, come ad es. la posizione dell’orologio o la pettinatura dei capelli.

Bisogno di accumulo e accaparramento: queste persona accumulano in abbondanza e collezionano oggetti insignificanti e inservibili come giornali vecchi, bottiglie vuote, pacchetti di sigaretta, pensando che un giorno potranno servire a qualcosa, e sentendosi sovente orgogliose delle loro bizzarre collezioni e spaventate all’idea di buttar via qualcosa.

Ossessioni pure: chi soffre di disturbo ossessivo-compulsivo a volte presenta solo ossessioni senza compulsioni. Le ossessioni possono essere a contenuto aggressivo (es. visioni di omicidio, corpi fatti a pezzi, timore di fare male ai bambini piccoli), religioso, sociale (ad es. timore di pronunciare frasi sconvenientio di bestemmiare in pubblico senza volerlo ) o sessuale (ad es. timore di essere perversi o omosessuali).

Il disturbo ossessivo compulsivo può insorgere in modo improvviso con una sintomatologia subito evidente, oppure svilupparsi in modo subdolo e graduale.

Pensieri irrazionali e sproporzionati rispetto alla realtà passano occasionalmente nella testa di ogni persona soprattutto se si attraversano periodi di stress e tensione. Si parla di ossessioni patologiche quando i pensieri intrusivi e indesiderati si presentano alla mente con grande frequenza, creando reazioni emozionali intense e forte disagio per un lungo periodo di tempo.

FacebookTwitterGoogle+Condividi
Leggi anche:
TAGS: